Perché PvP Geeks...
esiste?

Perché non ci sono abbastanza giochi da tavolo...

No… ovviamente no…

In tempi dove si vedono case editrici fare un secondo Kickstarter prima ancora di consegnare il primo… solo un pazzo penserebbe questo!

Ogni anno siamo invasi da migliaia di nuovi giochi ma il nostro tempo per giocare è sempre quello o, se va male, anche meno!

Davanti a questa marea di giochi, non so a te, ma a noi non interessa assaggiare quanti più giochi possibili se poi riusciamo a giocarci 1, massimo 2 volte, prima di rivenderli (quando va bene).

In questa corsa alla pubblicazione vediamo solo tante opportunità perse… perché molti di questi nuovi giochi sono belli e meriterebbero una loro comunità di fan e una scena di gioco organizzato.

Con questa riflessione abbiamo creato PvP Geeks.

Perché non ci sono abbastanza giochi da tavolo...
...competitivi e con una bella community dietro

Così, a inizio 2018, abbiamo radunato il party.

Piacere di conoscerti! Non abbiamo mai detto di essere del tutto normali… no?
(qui puoi leggere qualcosina su chi siamo)

 

La nostra quest?

  • Creare una community di fan di giochi da tavolo PvP (Player vs Player)
  • Creare il nostro gioco da tavolo ideale (e adesso ti raccontiamo com’è…)

Il gioco dei nostri sogni?
Un gioco di carte e miniature con...

Una bella scena competitiva

L’adrenalina che solo una sfida testa a testa ti può dare: questo è quello che ci fa giocare. Dopotutto… non ci chiameremmo PvP Geeks altrimenti.

E capiamoci subito…Anche noi giochiamo per divertirci!
Competitivo NON significa piegare le regole e voler vincere a tutti i costi a discapito di fair play e sportività.
Significa sfidare i nostri limiti prima ancora dell’avversario.

Non tanto per chissà quale premio o gloria*, ma per la soddisfazione intrinseca di vincere una sfida.
*anche se, ovviamente, premi e gloria non ci fanno schifo 🙂

Premesso questo, il gioco deve avere una curva di apprendimento facile.
NON devi farne il tuo secondo lavoro per poterti divertire o competere con il tuo avversario. In altre parole: un giocatore occasionale deve poter far sudare un super geek!

"Voglio un gioco dove ogni settimana ci sia un torneo. Dove quando lo compro sono sicuro di entrare in una community attiva e supportata... che durerà negli anni."

Si gioca anche tra una partita e l'altra

L’aspetto competitivo viene moltiplicato se tra una partita e l’altra è possibile ricercare combinazioni diverse.

Nei giochi di miniature questo si traduce nella preparazione dela lista. In quelli di carte nella costruzione del mazzo.

Nel nostro caso… vogliamo entrambe le dimensioni!

"Voglio dover fare scelte significative nella preparazione della partita. Pescare e vedere più carte nel turno, scombare ed essere soddisfatto nell'averlo fatto."

La community è supportata

La base di giocatori NON è una “mucca” da mungere per la casa editrice.

Le espansioni NON devono mai essere “praticamente obbligatorie” perché sconvolgono il meta e sono di fatto OP (ciao X-Wing!).

La community è una risorsa preziosa con la quale lavorare e sviluppare insieme nuove idee, nuove espansioni e nuove meccaniche sempre diverse e più divertenti!

"Non voglio essere obbligato a comprare nuove espansioni o upgrade KIT... o dover mettere insieme FAQ da 3 siti diversi per sapere come si gioca davvero"

Il meta è bilanciato (costantemente)

Il meta deve essere curato in quanto è la risorsa più preziosa… dopo la community.

E visto che è impossibile fare un gioco perfettamente bilanciato al giorno uno (o anche al giorno 300, se è per questo) vogliamo ispirarci al mondo dei videogiochi competitivi come League of Legends.

E come loro, bilanciare costantemente il sistema di punti via web-app così da avere un meta sempre più bilanciato SENZA bisogno di ristampare le carte o acquistare nuovi pezzi.

"Voglio evitare meta che rimangano rotti per anni... dove di fatto ci sono solo 2 o 3 opzioni competitive (ad es. per chi conosce X-Wing: evitare il monopolio di bombe e torrette)"

Niente dadi, grazie!

Nemmeno quelli da 20 facce. Niente critici che per quanto rari, rovinano ore di gioco o peggio, due giorni di torneo.

Insomma niente cose di cui poi ci si lamenta (giustamente) per svariati giorni.
Allo stesso tempo la fortuna ha un suo ruolo e le “carrambate” sono divertenti e benvenute.

L’importante è che questa varianza non sia… fastidiosa o determinante!

Questa intervista a Richard Garfield sull’equilibrio tra fortuna VS abilità riassume perfettamente anche la nostra filosofia a riguardo.

"Non vorrei tiri di dado che rovinano una partita. Per capirci se avete mai giocato a Blood Bowl, niente roba tipo doppio teschio, re-roll doppio teschio..."

Con miniature ma agile e portabile

Devi poter iniziare a giocare in meno di 1 minuto e poterlo infilare in un piccolo zaino senza problemi. Devi poter imparare le regole e fare almeno 2-3 partite nella stessa serata…

Allo stesso tempo deve avere miniature e la profondità tattica data dal tabellone e dallo spazio.

"Lo vorrei con belle miniature sia per il piacere di personalizzarle (se ho tempo e voglia!) che per la dimensione strategica del tabellone. Allo stesso tempo dev’essere super portabile e veloce da setup-pare"

Senza tempi morti

Hai presente quei giochi che sono dei solitari travestiti dove non vedi l’ora che venga il tuo turno?

Ecco, cerchiamo di fare l’esatto opposto!
Di creare un gioco dove non c’è downtime.
Dove l’instant è sempre pronto, insidioso e dietro l’angolo.

"Infine vorrei che per tutta l’ora della partita, non mi venisse mai voglia di prendere in mano lo smartphone per controllare Facebook..."

Wow! Tante cose...
Proviamo a mettere tutto insieme?

  • Voglio un gioco dove so che ogni settimana c’è un torneo. Dove quando lo compro sono sicuro di entrare in una community attiva e supportata… che durerà negli anni.
  • Voglio avere scelte significative nella preparazione della partita. Pescare e vedere più carte nel turno, scombare ed essere soddisfatto nell’averlo fatto.
  • Non voglio essere obbligato a comprare nuove espansioni o upgrade KIT… o dover mettere insieme FAQ da 3 siti diversi per sapere come si gioca davvero
  • Voglio evitare meta “rotti” per anni dove di fatto ci sono solo 2 o 3 opzioni competitive (per chi conosce X-Wing: evitare il monopolio di bombe e torrette)
  • Non vorrei tiri di dado che rovinano una partita. “Per giocatori di Blood Bowl:  Tipo doppio teschio, re-roll doppio teschio.
  • Lo vorrei con belle miniature sia per il piacere di personalizzarle (se ho tempo e voglia!) che per la dimensione strategica del tabellone. Allo stesso tempo dev’essere super portabile e veloce da setup-pare
  • Infine vorrei che per tutta l’ora della partita, non mi venisse mai voglia di prendere in mano lo smartphone…

Interessato?
Unisciti al nostro viaggio...

Puoi iscriverti qui sotto per:

  • Conoscerci! Sì… nel senso che ti scriveremo personalmente per presentarci meglio e magari scambiare qualche email. Non ti preoccupare però, se non hai tempo o voglia puoi ignorarci e non ci offendiamo!
  • Ricevere aggiornamenti sul gioco e appena riusciamo, poter ricevere gratuitamente il prototipo – bello e giocabile – per play-testarlo in anteprima e aiutarci a progettarlo al meglio.